Tecnologia Maschere

Grazie alla nostra esperienza e alla continua ricerca, lavoriamo per darvi un prodotto che protegga i vostri occhi dalle radiazioni solari nocive, dal freddo e dal vento, che migliori la vostra visione e non si appanni. Una maschera Salice deve avere queste caratteristiche, insieme a un’estetica ricercata e a un’ottima calzata.
Tutte le lenti sono ANTIFOG e UV400, cioè bloccano le radiazioni ultraviolette dannose agli occhi. Le lenti singole Antifog (A) sono in acetato antifog e sono disponibili in diverse tonalità di colore, in modo da garantire un’otti- ma visibilità nelle diverse condizioni atmosferiche.
Le lenti doppie (DA) hanno il potere antifog rinforzato dal cuscinetto d’aria racchiuso tra i due filtri, che crea un isolamento termico. La guarnizione tra le due lenti ha una tenuta perfetta anche a bassissime temperature e ad alte quote.
La lente in policarbonato antigraffio Rainbow è sottoposta a una colorazione “multistrato” sulla parte anteriore che ha lo scopo di ridurre i riflessi delle superfici abbaglianti (acqua, neve e ghiaccio) e di aumentare nello stesso tempo il potere filtrante della lente. La protezione UV400 garantisce la massima copertura dai raggi ultravioletti. La nostra tecnologia ci permette di realizzare lenti sferiche che offrono una maggiore visione periferica senza distorsioni..
SONAR
La lente Sonar, brevettata da Zeiss appositamente per lo sci, ha la proprietà di filtrare la luce blu, come molti altri tipi di lenti tecniche, ma parzialmente, permettendo all’occhio di leggere le irregolarità del terreno, che altrimenti non ver- rebbero velocemente riconosciute. La lente Sonar aumenta quindi il contrasto dei colori e ne migliora la brillantezza, ma nello stesso tempo consente di identificare rapidamente dossi, ostacoli e avvallamenti, per sciare nella massima sicurezza. E’ una lente adatta a ogni condizione climatica con una categoria di protezione S2.
Maggiori Informazioni

SONAR BY ZEISS

Individua Ostacoli Non Sempre Leggibili La SONAR by ZEISS è una lente che potenzia il contrasto e che migliora drasticamente la lucentezza dei colori e i contorni sulle piste, in tutte le condizioni di luce. Irregolarità come dossi, buche e altri potenziali pericoli sono più facilmente individuati e sciare diventa un’attività più sicura.
Introduzione
Le condizioni di cambiamento della luce durante la pratica degli sport richiedono un’alta concentrazione e un alto rendimento visivo degli atleti. E’ noto che una miglior percezione dei contrasti migliora le prestazioni in molti sport, lo sci è uno di questi.La necessità di riconoscere rapidamente le irregolarità del terreno quali dossi o avvallamenti, sezioni ghiacciate o pericoli potenziali, specialmente ad alte velocità e con cambi di condizioni di luce, è la chiave per lo sciatore e lo snowboarder per reagire velocemente ed evitare potenziali pericoli. Una miglior acuità visiva in ogni condizione di luce ha una correlazione diretta con la sicurezza e le prestazioni degli utenti.

Sfondo: il colore della neve
Il sistema di percezione visivo umano riconosce la neve come bianca. In verità il suo reale colore è stato provato essere blu, come in effetti il cielo. Lo spettro del colore del cielo presenta una prevalenza di luce blu, da 380 nm a circa 500 nm. Di conseguenza anche lo spettro del colore della neve presenta una concentrazione di luce blu. Perciò, sulle montagne innevate, il blu è il colore dominante.

Spettro del colore del cielo. Predominanza di luce blu. (380nm – 500nm)

Spettro del colore della neve. Predominanza della luce blu (380nm – 500nm)


Sfondo: gli effetti della luce blu
La luce blu ha una forte influenza sul contrasto visivo. Perché? Il sistema ottico mostra un’enorme difetto cromatico. L’occhio focalizza i colori differentemente: - La luce blu è messa a fuoco di fronte alla retina - La luce verde è messa a fuoco vicino alla retina (mentre la luce gialla è messa a fuoco sulla retina) - la luce rossa è messa a fuoco dietro di essa
Gli effetti della luce blu
Dato che la luce blu è messa a fuoco di fronte alla retina, questa influenza la percezione dei contrasti: - Una sorta di nebbiolina blu copre tutti gli oggetti e riduce il contrasto dell’immagine - A causa di questa nebbia, il colore reale degli oggetti è sfalsato: tutti i colori in ogni ambiente naturale virano verso il blu
Background: lenti sul mercato
Per compensare gli effetti della luce blu, chiamati “bloccanti del blu” e “attenuatori del blu”, le lenti per la neve fanno parte delle offerte base da parte di molti produttori di lenti. Questi filtri rimuovono la luce blu invece di incrementare la sensazione di contrasto.

Trasmissione dello spettro di un filtro bloccante della luce blu.

La luce blu è rimossa, i colori sono saturi e i contrasti potenziati
L’analisi: la luce blu aiuta a leggere la neve
Tuttavia, prove pratiche dimostrano che la luce blu è importante per leggere le irregolarità del terreno, poiché completa le informazioni visive che l’occhio riceve. Test pratici che misurano i riflessi sulla neve su dossi e avvallamenti dimostrano che l’occhio: - Non percepisce differenze significanti sui riflessi della neve e sfumature sulla lunga (rossa) e media (verde) lunghezza d’onda - Può leggere più chiaramente riflessi e ombre su dossi e avvallamenti solo nella breve (blu 400-500 nm) lunghezza d’onda.


Soluzione: SONAR by ZEISS
Carl Zeiss ha disegnato una lente con una specifica curva dello spettro che si comporta come un attenuatore del blu ma permette comunque a una parte della luce blu di raggiungere l’occhio nella parte finale dello spettro, fra i 380-420 nm, per identificare le irregolarità del terreno. Questa tonalità è stata sviluppata specificatamente per migliorare la vista sulla neve. Come funziona? - Lascia passare una parte di luce blu, fra 380-420 nm -> per aiutare il sistema visivo a leggere meglio le differenze dei dossi e le ombre degli avvallamenti - Rimuove parzialmente la porzione di luce blu nella breve lunghezza d’onda dopo 420 nm -> per migliorare il contrasto cromatico


Informazioni sull’applicazione del brevetto SONAR by ZEISS
Applicazione del brevetto: La curva spettrometrica della lente SONAR by ZEISS specifica nel raggio fra 380 nm e 500 nm è una “tecnologia brevettata”.
Brevetto Numero PCT/EP2013/000138 del 17/01/2013
La percezione visiva del colore
Perché SONAR by ZEISS ha solo una posizione specifica della luce blu nel fondo dello spettro di 380-420nm?
La risposta sta nella percezione visiva dei colori L’occhio percepisce i colori grazie a tre fotorecettori (coni): corto (blu), medio (verde) e lungo (rosso). I Recettori non sono distribuiti allo stesso modo sulla retina. Come dimostra il grafico, il cono medio (verde) e quello lungo (rosso) sono sensibili anche nella lunghezza d’onda media (blu) in quanto intersecano i coni del blu.

Sensibilità spettrale dei ricettori visivi (coni)

Come sappiamo, i coni medi e quelli lunghi danno contrasto cromatico al sistema visivo. Se la luce blu non fuoriesce, i coni medi (verde) e lunghi (rosso) sono coperti dalla nebbia blu con una riduzione del contrasto cromatico. SONAR by ZEISS lascia che una parte della luce blu raggiunga l’occhio nella parte profonda blu dello spettro dove i coni medi (verde) e lunghi (rosso) hanno una sensibilità vicina allo zero. In questo modo, la percezione del contrasto è rispettata e le irregolarità del terreno sono meglio identificate.

Benefici principali

Rendimento visivo

SONAR by ZEISS
fornisce una miglior percezione del contrasto, grande brillantezza dei colori e dei contorni, migliora le prestazioni durante lo sci anche ad alte velocità.
SICUREZZA
SONAR BY ZEISS
sottolinea le irregolarità come dossi e avvallamenti. Zone ghiacciate o pericoli sono rapidamente riconosciuti, specialmente ad alte velocità e in condizioni di cambiamento di luce. Sciare diventa un’attività più sicura.
A TUTTO TONDO
SONAR by ZEISS
migliora l’acutezza visiva in tutte le condizioni di luce: in giorni di ombra e in pieno sole, in situazioni di foschia, durante una nevicata e nei giorni soleggiati. Test di prova I test di prova inerenti al prodotto Carl Zeiss (effettuati nel gennaio 2012 a Saas Fee, in Svizzera, con i collaboratori dell’istituto di optometria di Aalen/Leinroden in Germania e il dipartimento di medicina sportiva di Ruhr-Università di Bochum, in Germania) dimostrano che la lente SONAR BY ZEISSrende meglio dei bloccanti del blu o di altri colori standard arancio ed è preferita da chi la indossa. I test dimostrano vantaggi in molte capacità visive, per esempio, sensibilità al contrasto, acutezza visiva e differenze fra i colori.

TECH

Evoluzione della lente CRX Polarflex: alle caratteristiche tecniche di una lente allo stesso tempo fotocromatica e pola- rizzata si aggiunge la specchiatura flash argento su una base ambra, che aumenta il contrasto e dà un tono più aggressivo. Il passaggio di categoria è da S3 a S4.


CRX POLARFLEX

Lente che combina le caratteristiche tecniche di polarizzazione e fotocromatismo. L’interno è polarflex, assorbe quindi i riflessi della luce ed elimina la sensazione di abbagliamento, la lente esterna è fotocromatica e cambia colore in base alla quantità di luce presente. Il passaggio di categoria della lente è da S2 a S3 quando la temperatura è inferiore a +10°, mentre è da S2 a S4 quando la temperatura è inferiore a -5°. A un’altitudine superiore ai 2000 mt lm, dove sono presenti i raggi UVB, il passaggio di categoria è sempre da S2 a S4, disponibile nel colore bronzo.

CRX CHROMOLEX

La lente fotocromatica CRX chromolex cambia colore in base all’intensità della luce solare: si scurisce se c’è molta luce, diventa più chiara con bassa visibilità. Ciò permette a chi la indossa di portare la stessa maschera da sci in ogni condizione climatica. La lente è disponibile nella variante giallo-luminal, che passa dalla categoria S1 a S2.

QUATTRO

Lente tecnica in categoria S4. Sviluppata per l’alta montagna: si tratta di una lente doppia antifog con schermo fumo e interno jolly, garantisce profondità e protezione nelle situazioni più estreme

categoria protezione lenti maschere da sci
Nuvoloso variabile sereno montagna alta_montagna
S0
S1
S2
S3
S4
TRASPARENTE
SINGOLA LUMINAL
AMBRA
SINGOLA ROSA
DOPPIA ROSA 606
SINGOLA BRONZO
RW TRASPARENTE
DOPPIA LUMINAL
DOPPIA BRONZO
JOLLY
DOPPIA ROSA
AMETISTA
ARANCIO
RW ROSSO
RW ARANCIO
FUMO
RW BLU
RW VIOLA
SONAR  
+ 10° CRX CHROMOLEX
+ 10° CRX POLARFLEX -5°
TECH

Tecnologia Maschere

Ventilazione


Grazie alla nostra esperienza e alla continua ricerca lavoriamo per darvi un prodotto che protegga i vostri occhi dalle radiazioni solari nocive, dal freddo e dal vento e che migliori la vostra acuità visiva e non si appanni. Una maschera Salice deve avere queste caratteristiche insieme ad un’estetica ricercata e ad un’ottima calzata.
Lenti doppie ventilate (DAV) con il sistema Air System hanno un effetto antiappannante ancora più efficace grazie al flusso d’aria aggiuntivo.
Queste lenti sono particolarmente consigliate in caso di utilizzo di casco, in quanto il flusso d’aria entrante nella ventilazione superiore della montatura della maschera risulta limitato dal profilo del casco stesso.


CONSIGLI DI UTILIZZO

Non utilizzare detergenti chimici, per la pulizia delle lenti è preferibile un panno in microfibra. Se la lente della maschera è antiappannante, è molto sensibile ai graffi dopo avere assorbito l’umidità. Verificare che il panno per la pulizia sia ben pulito e non contenga nulla che possa danneggiare le lenti. Maschere da sci conformi alla Direttiva Europea 89/686/CEE, in base alla norma EN 174:2001.